Blog

Home / Blog / Crm  / ROUTINE CRM #1/8 – PROSPECTS NON GESTITI
Make things happen

ROUTINE CRM #1/8 – PROSPECTS NON GESTITI

#iorestoacasa ma Artmatica ti resta vicina.

Abbiamo pensato a come rimanervi vicini e mantenerci attivi in modo produttivo, anche se dalle nostre case.

Questo nuovo progetto che abbiamo ideato mira a creare una routine CRM e Marketing Automation, che possa portare benessere a te e alla tua azienda.
Ma come può creare benessere una routine di organizzazione e controllo del CRM e della Marketing Automation?

Provare per credere! Lavorare con strumenti in ordine e ben organizzati produce una serie di effetti: in primis porta la nostra attenzione a ciò che realmente conta come, per esempio, i risultati che ogni team porta e come possiamo aiutarli a fare meglio.

  • Come: così da oggi partirà #laroutinedelcrm una serie di post che, a fine progetto, creeranno una vera e propria routine da seguire periodicamente, essenziale per avere un CRM sempre ordinato, aggiornato e performante.
  • Quando: 1 volta a settimana
  • HelpUs: avremo bisogno di voi! Per ogni punto/post sviluppato, potrete essere da spunto a chi parteciperà, condividendo nei commenti il risultato ottenuto. Seguiteci sui canali social Facebook, Linkedin e Instagram

Ecco lo step #1/8 della nostra #routinedelcrm – Prospects non gestiti

Succede sempre e succede a tutte le aziende. Arrivano nuovi contatti dal sito web o in seguito ad un evento o fiera, vengono presto inseriti nel CRM con grande entusiasmo e poi puntualmente si viene rapiti dal vortice quotidiano e ci si dimentica di gestire questi nuovi contatti e di aggiornare le informazioni nel crm.
I problemi che seguono sono principalmente 2:

  1. un contatto caldo, se non prontamente lavorato, si fredda e si rivolge altrove. Si trasforma, di fatto, in un contatto perso
  2. un contatto presente nel CRM non qualificato e non categorizzato è difficile da “trattare” anche dal punto di vista marketing: era interessato ad un nostro prodotto/servizio o a diventare un nostro partner? Voleva comprare o aveva bisogno di supporto? Insomma, mandare comunicazioni mirate a contatti di questo tipo diventa, praticamente, impossibile. Di conseguenza recuperarlo sarà molto difficile e avremo perso l’investimento fatto per generarlo.

Cosa dovremmo fare per evitare questa situazione?

La soluzione, come spesso accade, è più semplice di ciò che si crede. In barba a tutti i “non ho tempo”, “devo dedicarmi alle vendite”, “tanto non era interessato”, sarà sufficiente dedicare un po’ di tempo ad aggiornare e gestire questi contatti PERIODICAMENTE.
In base al numero di contatti/mese che la vostra azienda genera, si dovrà identificare una o più persone che svolgano un attività di monitoraggio gestione e aggiornamento dei prospect. Questo vuol dire:

  • monitorare l’entrata di nuovi prospect, cercando di capire come possiamo essere utili e cosa offrire
  • agire su di essi e su quelli già in “pancia” – chiamando, inviando email e proponendo incontri(questa per un pò non si può ma di sicuro possono usare chiamate remote..)
  • registrare le attività svolte e quelle programmate sul CRM (così sarà lui a inviarci un reminder) e aggiornare lo Status del prospect

Secondo la nostra esperienza, se questa attività viene svolta con regolarità si riesce a mantenere il database pulito, a convertire più prospect in opportunità, sia in prima battuta che in fase di recupero con attività di marketing.

Voi già fate questa attività? Chi se ne occupa e quali vantaggi avete percepito? Condividete con noi le vostre esperienze sui canali social oppure scriveteci qui

No Comments
Post a Comment